Si può diventare direttore tecnico di un’agenzia di viaggi senza fare l’esame di abilitazione? Ecco cosa dice la legge

La responsabilità tecnica di un agenzia viaggi è affidata ad un direttore tecnico che, obbligatoriamente, deve essere iscritto all’albo della regione di competenza. Sono iscritti d’ufficio, tutti coloro che sono segnati all’albo ed i soggetti che esercitano materialmente l’attività di lavoratore da oltre 15 anni, in via continuativa, anche in assenza di autorizzazione e quindi senza aver fatto l’esame di abilitazione. Quest’ultimo a patto che abbia assolto le tasse d concessione regionali.

Sono inoltre iscritti all’albo, previa richiesta, coloro che hanno conseguito l’attestato di idoneità per l’attività di direttore tecnico di agenzie viaggi e turismo. Il regolamento attualmente in vigore stabilisce che possono essere iscritti:

  • i soggetti in possesso dell’attestato di idoneità,
  • cittadini europei in possesso di titolo abilitante valido nel paese di provenienza,
  • i direttori tecnici, cittadini di Paesi al di fuori dell’UE, in possesso di titolo abilitante equiparato

Sono inoltre iscritti all’albo i soggetti che rientrano nei casi previsti dall’articolo 4, comma 2 (lettera a, b, c, d) e comma 3 del decreto legislativo 392/1991. Essi possono conseguire l’idoneità a Direttore Tecnico previa la verifica di documenti che attestino che il soggetto possiede i requisiti citati nelle norme sopra indicate. Alla domanda deve essere allegata tutta la documentazione richiamata oltre al certificato del casellario giudiziale o un documento equipollente.

L’esame di abilitazione

Requisiti

Chi non esercita l’attività di Direttore Tecnico di un’agenzia viaggi da oltre 15 anni ma, desidera ottenere l’abilitazione, deve partecipare all’esame presso la propria regione o provincia.

I requisiti indispensabili sono:

  • diploma di maturità,
  • aver lavorato per un’agenzia di viaggi con mansioni non inferiori a quelle del personale di IV livello o in alternativa essere in possesso di:
    •  laurea in scienze turistiche,
    • attestato di partecipazione ad un master universitario nel settore del turismo con attestato di superamento degli esami successivi,
    • attestato di qualifica conseguito al termine di un corso di 400 ore rilasciato da istituti professionali o tecnici per il turismo
  • non avere condanne penali

Tali requisiti devono essere posseduti dal richiedente al momento della domanda.

Dichiarazioni necessarie

La richiesta di partecipazione all’esame deve contenere:

  • dati anagrafici del richiedente,
  • titolo di studio,
  • certificato del casellario giudiziale,
  • godimento dei diritti politici e civili
  • conoscenza di una lingua straniera, oltre all’inglese (russo, spagnolo, tedesco, portoghese…),
  • recapito su cui ricevere le comunicazioni inerenti a tale richiesta

Prove di esame

L’esame di abilitazione prevede due prove scritte ed una orale, nelle seguenti materie:

  • tecnica turistica
  • organizzazione ed amministrazione di un’agenzia viaggi,
  • principali norme della legislazione inerente a questo settore,
  • geografia,
  • traduzione di una lettera in lingua inglese

Alla prova orale si aggiunge un’ulteriore lingua scelta dal candidato stesso. Per essere ammesso a quest’ultima prova, il candidato, dovrà aver superato le prime con un risultato di almeno sei decimi. Il mancato raggiungimento di tale punteggio sarà oggetto di un sintetico giudizio da parte della commissione.

Articoli correlati