La guida giusta per vivere al meglio una vacanza alternativa a stretto contatto con il mare

Una vacanza in barca a vela è un mix tra sport, avventura, relax, contatto con la natura e scoperta di luoghi incantevoli con la possibilità di vivere esperienze sempre nuove ogni giorno. Molti sono prevenuti perché pensano che possa essere proibitiva sia per i prezzi che per l’inesperienza con questo tipo di vacanza ma non è assolutamente così.

È sufficiente rispettare qualche piccola regola e conoscere alcune semplici nozioni di base per convincersi che la prossima estate una vacanza in barca a velo potrebbe essere il top. Vediamo allora come organizzare una gita di alcuni giorni in barca a vela e non arrivare impreparati.

A chi è adatta?

Nell’immaginario collettivo si tratta di un’esperienza da vivere in soluti dine, come vecchi lupi di mare ma non c’è nulla di più sbagliato. Oggi giorno, grazie alle tecnologie di ultima generazione, agli spazi a disposizione, ai servizi offerti ed al personale di bordo, chiunque può salire su una barca per trascorrere alcuni giorni di ferie lontano dallo stress quotidiano.

Persino per le famiglie, a parte qualche piccola accortezza in più, questo tipo di vacanza è tutt’altro che un azzardo. È sufficiente scegliere un’imbarcazione con spazi adeguati ed ecco che anche i vostri figli non avranno tempo per annoiarsi, lontano da videogiochi, computer e cellulari, imparando nozioni nuove riguardo al mare ed alla natura.

I gruppi di amici che hanno voglia di divertirsi un pò senza pensieri non potrebbero scegliere una soluzione migliore: libertà, originalità e la vastità del mare a loro completa disposizione.

I gruppi di anziani o le persone che non hanno mai navigato, con uno skipper professionista, avranno l’opportunità di provare l’ebbrezza di un giro in barca.

Come risparmiare?

Superata la paura, un altro fattore che lascia molti perplessi sul prenotare o meno una vacanza in barca a vela nel periodo estivo è il costo che si crede eccessivo. Effettivamente non si tratta di una soluzione low cost ma di certo non vi sono grandi differenze rispetto un soggiorno in hotel nei periodi di alta stagione.

Paragonando i costi per il pernottamento, i pasti, i lettini, l’ombrellone, gli aperitivi… ecco che non ci metterete molto a superare il costo di una vacanza in barca a vela.

Ad ogni modo un’ottima soluzione per risparmiare qualche euro è organizzarsi in gruppo condividendo le spese. Sia i single che le coppie possono chiedere in agenzia di unirsi ad altri che cercano compagni di viaggio. Inoltre, è possibile richiedere un preventivo a società specializzate come ad esempio rottediportolano.com che organizzano vacanze in barca a vela che generalmente applicano tariffe più basse rispetto quelle fornite dalle agenzie di viaggi o da alcune compagnie di navigazione.

In conclusione, a conti fatti, anche le ferie in barca a vela possono diventare economiche mettendo in pratica qualche trucchetto.

Vivere in spazi ristretti

Le barche moderne hanno spazi molto più ampi rispetto quelli di qualche anno fa, anche se restano pur sempre abbastanza limitati.

Per una famiglia con bambini piccoli sarebbe più indicato un catamarano, un’imbarcazione spaziosa e che, grazie al fondo piatto, permette di avvicinarsi molto di più alla riva.

In generale, comunque per il quieto vivere è sufficiente gestire correttamente i propri spazi, prestando attenzione a non lasciare in giro gli oggetti personali. È sempre bene tenere a mente che si condividono spazi limitati con persone sconosciute e che la collaborazione e l’educazione sono fondamentali per non rendere la vacanza un inferno.

I bagagli

Portate solo lo stretto necessario e riponetelo in borse morbide che possono essere svuotate e riposte senza occupare spazio. Informatevi se vengono fornite lenzuola o sacchi a pelo, contrariamente dovrete portali voi.

Indispensabili ciabatte in gomma ed asciugamani (meglio due: uno per l’acqua calda ed uno per l’acqua salata).

Portate anche un impermeabile nel caso di un improvviso cambiamento climatico.

Articoli correlati