Lisbona, la capitale del Portogallo, è una delle città europee più visitate negli ultimi anni. Si tratta di una città estremamente vibrante, decadente ed antica nell’aspetto, ma estremamente viva dal punto di vista artistico-culturale. Molto caratteristica, ricca di bellezze e colori, calorosa ed accogliente, Lisbona è una splendida città che si può tranquillamente visitare anche in un weekend. Se è vero che un paio di giorni non sono molti, grazie a questo itinerario potrete scegliere le zone più caratteristiche di Lisbona ed i musei più importanti, in modo da visitare in maniera completa questa bella città portoghese e scoprire i suoi profumi, sapori e colori.
Come visitare Lisbona in due giorni?

Primo giorno

Il primo giorno è incentrato sulle famose bellezze della città, in modo da coglierla in uno sguardo d’insieme e da prendere confidenza coi luoghi centrali.
In primo luogo potete visitare la bella e famosa Praça do Comércio, che è circondata da palazzi colorati: si tratta di un luogo molto bello, anche per chi ama fotografare. Vicino alla piazza si trova il fiume Tago: dall’arco è possibile vedere il panorama di Lisbona, e inoltre da Praça do Comércio potete velocemente arrivare a piedi alla strada principale della Baixa, Rua Augusta.
L’Elevador de Santa Justa è un ascensore che vi porterà fino sui tetti di Lisbona e potrete scoprire da lì tutti i punti principali della città. Inoltre, sempre dalla cima dell’Elevador, con il ponte potrete raggiungere il Convento do Carro, un edificio rimasto molto danneggiato dal terrificante sisma del 1755 che distrusse buona parte della città.
Non potete poi non visitare il quartiere Rossio, dalla caratteristica pavimentazione ad onde che la rende unica al mondo. Se volete visitare il quartiere potete salire sul Tram 28 che fa il giro della zona.
Il percorso vi permetterà di vedere tutte le coloratissime case di Lisbona, e le vecchie zone della città.
Se volete assaggiare qualche specialità del luogo, dovete recarvi al Mercado da Ribeira, che si raggiunge dal Rossio.
Il quartiere Cais do Sodré di notte si anima: era l’anima della Lisbona dei pescatori, e racchiude ancora qualche gioiello di locale il cui fascino è rimasto intatto nel tempo.

Secondo giorno

Alfama è un quartiere di artisti, ed è anche il più antico di Lisbona. Coloratissimo ed allegro, ospita la Sé, cattedrale cittadina, ed il Castello di San Jorge. Le stradine dell’Albana sono uno splendido labirinto, colorato ed antico, ideali per chi si diletta della fotografia.
Dopo di che, potete visitare Belem: si tratta della “seconda parte” di Lisbona, e vi consigliamo di assaggiare i famosi Pasteis de Nata alla Pastéis de Belém, la famosa pasticceria di quartiere.
Belem ospita bellezze come il Mosteiro dos Jerònimos, e la Torre di Belem (se volete fare foto panoramiche o semplicemente godere di una bellissima vista). Inoltre se siete affamati di cultura sarete accontentati: una bella collezione di quadri moderni e d’arte contemporanea vi aspetta al Museo Berardo.
Se invece siete amanti del design e dell’arte di strada, visitate la LX Factory di Lisbona, dove troverete tantissimi murales che sono delle vere e proprie opere d’arte.
L’anima più multietnica di Lisbona la si scopre nel quartiere Intendente Mouraria: si tratta di una zona assai caratteristica di Lisbona i cui edifici portano ad oggi moltissimi influssi arabi, assai affascinanti. Infine se siete alla ricerca di un luogo dove poter godere di divertimento e di apertivi gustosi e variegati, allora il Bairro Alto è il quartiere che fa per voi. Il Park è il locale panoramico, in cima a Lisbona, dove si servono cocktail al tramonto: ideale soprattutto per i romantici.

Articoli correlati