Se vi trovate a Roma, non potete rinunciare a una visita ai musei vaticani, uno dei poli d’attrazione più importanti al mondo (al link che segue potete acquiatare i ticket di l’ingresso ai musei vaticani). Tra le numerose ricchezze artistico-culturali romani, troviamo infatti questi musei che ogni anno contano numeri impressionanti di visitatori. Una visita è davvero d’obbligo per gli amanti dell’arte e non solo. All’interno dei musei vaticani si respira un’atmosfera magica, resa unica dall’assoluto valore delle opere presenti che raccontano un pezzo di storia dell’Italia. L’esperienza di un pomeriggio passato in queste stanze è impagabile e irrinunciabile, per questo motivo non resta che armarsi di pazienza, prenotare il biglietto in anticipo in modo da non passare tutto il giorno in fila. Abbiamo raccolto quelli che sono i motivi principali per non perdersi una visita ai musei.

La grande arte italiana

I musei vaticani racchiudono collezioni di opere di grande valore, collocate nelle varie sezioni del polo museale. La Pinacoteca ad esempio conta quasi 500 dipinti. Gli artisti? Da Leonardo Da Vinci a Raffaello con opere di grande valore come la Trasfigurazione di Raffaello o la Deposizione di Caravaggio. Tra le opere imperdibili presenti ai Musei Vaticani merita una menzione la celebre statua del Lacoonte così come la Loggia di Raffaello e le meravigliose Stanze di Raffaello con la famosa opera La Scuola di Atene. Le opere custodite nei musei racchiudono il meglio dell’arte italiana e meritano una visita approfondita per coglierne l’essenza.

La Cappella Sistina

La visita ai musei vaticani è un’esperienza che merita di essere vissuta anche soltanto per la Cappella Sistina. Un capolavoro che lascia di stucco i turisti di tutto il mondo, un’opera apprezzata e conosciuta a livello internazionale nonché motivo di orgoglio per l’Italia. La Cappella Sistina nasce nel Quattrocento per volere del Sisto IV della Rovere che chiamò a dipingerla e ad impreziosirla i maggiori esponenti dell’arte del tempo come il Perugino o il Ghirlandaio. Tra i pittori che si sono impegnati nella realizzazione di opere importanti all’interno della cappella c’è stato Michelangelo Buonarroti che, certamente, non ha bisogno di presentazioni. Sono suoi i preziosi contributi che raccontano le Storie della Genesi, dalla Separazione della luce dalle tenebre alla celebre Creazione di Adamo. La cappella Sistina si trova solitamente alla fine del percorso ed è l’apice della visita, sia essa libera o guidata.

Il padiglione delle Carrozze

Merita una visita anche il museo delle carrozze, una vera perla per gli amanti del genere. All’interno del Palazzo Apostolico del Laterano è presente infatti questo spazio di grande bellezza. Le carrozze custodite nel museo sono infatti vetture e mezzi utilizzati dai pontefici in passato. Molto particolare la Berlina di Gran Gala costruita per Papa Leone XII. Una visita al padiglione delle Carrozze vi farà sognare e vi porterà indietro nel tempo.

Bellezza senza tempo

I musei vaticani sono l’espressione tipica della bellezza di questa città, una dimensione dal fascino senza tempo. Roma ha davvero molto da offrire, per questo possono essere diversi gli itinerari da scegliere e i luoghi da visitare. Oltre ai musei di cui vi abbiamo parlato, che richiederanno qualche ora per la visita, ci sono diversi monumenti, musei ed opere da non perdere. Dal Colosseo alla Fontana di Trevi, dal Pantheon all’Ara Pacis, Roma è davvero un grande museo a cielo aperto. Dopo la visita ai musei vaticani, potete dunque arrivare fino a Villa Borghese oppure al Colosseo per rilassarvi e cenare con uno dei piatti tipici della tradizione. Se volete dei suggerimenti su come mangiare bene senza svuotare il portafogli, potete seguire i consigli che vi avevamo dato in questo articolo. Buona visita, Roma, con tutte le sue attrazioni, vi aspetta!

Articoli correlati