La montagna è un mondo a parte, in cui non esiste modo di controvertire le leggi da cui è governato. Prima della partenza per un’escursione vale la pena verificare un’ultima volta se si ha a pronta disposizione tutto il necessario per non farsi trovare impreparati.

Vediamo insieme cosa è bene non lasciare a casa prima di un’escursione in montagna: per scrivere la nostra lista abbiamo preso spunto da uno degli ultimi numeri della rivista Meridiani Montagna, una vera istituzione del tema.

L’abbigliamento

Il clima in montagna è fortemente variabile, e nella stessa giornata è possibile incontrare zone di sole calde e afose – peggiorate dalla camminata faticosa -, e zone di penombra, umidità o vera e propria pioggia.

Tutti gli abiti che porterete dovranno essere adattati alla stagione, al clima eppure alla sua variabilità: tessuti tecnici leggeri ma confortevoli e caldi, k-way e abbigliamento a strati sono la soluzione migliore. Anche in piena estate non rinunciare ad un pile o una felpa pesante, e ovviamente fai particolare attenzione alle scarpe scelte: più il percorso è scosceso e complesso, più la scarpa dovrà essere alta alla caviglia. Assolutamente vietate, invece, le scarpe da ginnastica: non offrono né la protezione per le articolazioni né la giusta aderenza al terreno.

Un secondo paio di calzini e dei cerotti contro le vesciche ti faranno comodo, se la camminata sarà più lunga del previsto.

Con la bella stagione, per evitare le punture di insetto, pantaloni lunghi e calzettoni al ginocchio pesanti sono la soluzione per cui optare. Porta con te anche un repellente, se sai già ti recherai in una zona con presenza di insetti copiosa.

L’itinerario

L’itinerario dovrebbe essere scelto in anticipo, comunicando alla struttura di alloggio, agli amici o ai familiari il percorso che si deciderà di intraprendere per sicurezza.

Ovviamente il tipo di sentiero e camminata dovrà essere tarata sulle capacità fisiche dei partecipanti: la montagna è un luogo perfetto anche per le persone anziane e i bambini, ma per loro è necessario scegliere camminate adatte, che sono ben diverse da quelle degli adulti sani e forti, e ancora diverse da quelle dei trekker esperti o degli atleti.

Acqua e snack

Anche se la passeggiata sarà svolta con la stagione invernale, un’abbondante riserva d’acqua fresca non dovrebbe per nessun motivo mancare nello zaino. Puoi scegliere una borraccia termica, per tenerla fresca a lungo, oppure una a sacco che potrai piegare una volta svuotata. Nonostante la bassa temperatura la sete si farà sentire con la fatica, il sudore e la camminata, quindi non dimenticare di rimanere idratato.

Se prevedi di rimanere fuori casa per diverse ore porta con te qualche snack, che sia frutta secca, barrette energetiche oppure un frutto.