L’isola di Zanzibar si trova in Africa, al largo della Tanzania. Sicuramente si tratta della meta ideale per chi voglia fare un viaggio diverso dal solito, al riparo dallo stress, immergendosi nella natura, nei colori di un mare paradisiaco. Inoltre si tratta della meta ideale per un viaggio da fare quando in Europa è inverno: là invece le temperature sono ancora alte e si può vivere uno spicchio di dolce estate.

Se non volete ricorrere alle agenzie turistiche, potete sempre organizzare da voi un bel viaggio in questo piccolo paradiso africano. Ma come si fa? Quali sono le informazioni da conoscere?

Quando andare a Zanzibar

I mesi più indicati per andare a Zanzibar sono quelli di dicembre, di gennaio e di febbraio. Infatti il clima, durante questi mesi, è secco, e piove poco: ci sono giornate piene di sole e serate fresche, ventilate.

Il clima in Tanzania è tropicale e non c’è una grande escursione termica. Le temperature vanno dai 20 gradi in agosto ai 24 in aprile: le temperature massime estive sono dai 29 ai 32 gradi. Il periodo delle piogge è presente due volte all’anno, fra novembre e dicembre e fra fine di febbraio e maggio.

L’acqua è sempre molto piacevole a Zanzibar: durante la stagione invernale è sui 26 gradi e in aprile sui 30 gradi, quindi estremamente calda.

I mesi da evitare categoricamente per venire a Zanzibar sono quelli di marzo, aprile e maggio, perché sono interessati da fortissime piogge tropicali.

Come andare a Zanzibar

Ovviamente Zanzibar si raggiunge in volo, quindi bisogna prendere l’aereo. Per poter viaggiare si deve cercare qualche offerta di volo: se si vuole spendere un po’ di meno, si deve atterrare a Dar es Salaam, una città della Tanzania dalla quale si raggiunge in barca Stone Town. Ci sono traghetti che fanno trasferimento veloci in meno di due ore. Il costo dei posti migliori, quelli con aria condizionata, è di 40 dollari a persona.

Dove soggiornare a Zanzibar

Se non vi appoggiate a nessuna agenzia turistica dovrete scegliere da soli dove soggiornare. Ci sono diverse località molto belle a Zanzibar ma ovviamente bisogna fare una scelta ponderata e non basarsi solamente sull’aspetto del luogo. Nungwi è una delle più belle località, anche se è molto turistica. Ci sono diverse località più o meno attrezzate per i turisti: prima di scegliere valutate se ci sono o meno le maree, che spesso impediscono di fare il bagno di giorno.

Come spostarsi a Zanzibar

Zanzibar non è un’isola molto grande, ma per spostarsi da un luogo all’altro ci si impiega un po’ perché non sempre le strade sono in eccellenti condizioni.

Infatti la maggior parte delle persone preferisce spostarsi in taxi (da chiamare in albergo) o per mezzo di beach boys, che fra l’altro spesso organizzano ottimi tour su misura a prezzi convenienti.

Se vi piace viaggiare all’avventura e spendere poco optate per i dalla-dalla, sono bus aperti, che la gente del luogo usa per raggiungere le zone principali dell’isola.

Altre informazioni utili

Sul sito Viaggiare Sicuri e Informati della Farnesina, si scrive che la Tanzania è un paese relativamente sicuro. Basta seguire le elementari norme di sicurezza, evitare zone isolate, affidarsi a guide competenti e sicure.

Per i vaccini, in genere non sono obbligatori per recarsi a Zanzibar, ma è sempre meglio sentire i pareri dei medici.

Bisogna portare un po’ di contanti per il soggiorno, perché la carta di credito non è sempre accettata dappertutto.

Inoltre è gentile portare dei giocattoli, vestiti, penne e quaderni per i bambini: la popolazione è estremamente cordiale ma molto povera e bisogna tenerne conto.

Articoli correlati